mercoledì 9 giugno 2010

I sindaci, le istituzioni, i tecnici hanno votato contro l’interesse comune

Ieri 8 giugno, come delegazione di cittadini della Valpolicella, ci siamo “appostati” davanti alla Regione Veneto perché la commissione tecnica doveva esprimere un parere sullo scavo dell’oasi di Marezzane, luogo del cuore del FAI e parte del parco della Lessinia. La commissione ha detto che scavare a Marezzane, per farne cemento, va bene.
E’ un primo passaggio autorizzativo che ne vedrà altri.
Dalla commissione è emerso senza più possibilità di ricorrere ad ambiguità chi sta dalla parte del territorio, bene comune, e chi, invece sta dalla parte dell’interesse privato della Cementi Rossi.
I sindaci, le istituzioni, i tecnici hanno votato a favore dell’azienda e contro l’interesse comune.
Più di 1000 mail inviate a Zaia raccolte in soli 4 giorni, 3000 firme di opposizione ai progetti della Cementi Rossi, 6000 firme per il Parco regionale testimoniano una fortissima pressione dal basso ascoltata da un solo soggetto: la Comunità Montana. In sede di commissione, il territorio ed i cittadini, hanno trovato un coraggioso alleato che ci ha ascoltato. Grazie alla Comunità Montana!
La prossima tappa del percorso autorizzativo è importantissima: il parere vincolante della Sovrintendenza.
La forza più importante che può salvare Marezzane e quella che arriva dal basso, dalla comunità. Il potere è quindi nelle nostre stesse mani se agiamo subito e concretamente.
Stiamo in queste ore preparando l’appello alla Sovrintendenza che potrai inviare per email.
Nel frattempo ti chiediamo di votare Marezzane “luogo del cuore” del FAI all’indirizzo:



9 commenti:

Maverick ha detto...

Visto che si dice che le istituzioni non sanno fare il loro lavoro...andate sul sito Valpolicella.it e guardate "MENO UVE A RIPOSO CONTRO LA CADUTA DEI PREZZI" e AUMENTANO LE RICHIESTE DI ESTIRPAZIONE VIGNETI: un territorio non deve avere una sola attività economica,altrimenti chissà che patatrac... Inoltre le aziende sane e pluricertificate meritano di andare avanti! Se la giunta regionale ha deciso così è perchè la cementeria ci può stare e il vino è cresciuto con essa! O qualche pseudo ambientalista pretende di insegnare a chi di dovere?

ultimate warrior ha detto...

una cosa non capisco sindaci istituzioni tecnici tutte persone credo poste in quel ruolo per votazione popolare o per capacita' professionali improvvisamente si vendono alla cementirossi contro gli interessi della comunita'solo per il gusto di vedere distruggere la valpolicella ? non e' che invece un ristretto gruppo di facoltosi cantinieri abbia deciso di mettere in piedi il finimondo per impossessarsi dell'esclusivo utilizzo delle risorse della zona un feudo personale inserito in una nazione dove dovrebbe vigere la democrazia e il libero diritto ,non parliamo poi della salvaguardia del territorio non so chi mai possa sostenere che i vigneti rappresentino la salvaguardia del territorio , attendo risposte

ariapura ha detto...

Ultimate warrior,ti sei già risposto da solo... sicuramente è la cementeria che tutela il territorio,avvelenando l'aria che respiriamo,distruggendo i boschi e piantando vigneti con l'approvazione dei nostri amati sindaci.
In una cosa hai azzeccato perfettamente, chi ci amministra lo abbiamo eletto noi ma sicuramente non incorreremo una seconda volta in un errore del genere, almeno lo spero.
I miei complimenti continua cosi.

Amarone ha detto...

Sono pienamente d'accordo con Maverick e ultimate warrior... i cantinieri negli ultimi decenni si sono trasformati da meri coltivatori ad imprenditori di colossi industriali(in questo devo ammettere che sono stati bravi,nessuno lo nega,anche se c'era la cementeria a pieno ritmo)...credo altresì che la mentalità primordiale non si è evoluta di pari passo, ahiloro... Forse pensavano di riuscire a rimanere nell'ombra e gestire tutto questo polverone mediatico da dietro le quinte, finalizzato nontanto al bene comune della Valpolicella ma bensì al bene delle proprie finanze (d'altronde, poverini, per mantenere le auto fuoriserie si spende sempre di più al giorno d'oggi)... Infine una solo domanda a questo blog (è una piccola provocazione, lo sò)...avete intenzione, in un prossimo futuro, di mettere la stessa energia profusa per combattere la cementeria anche per sensibilizzare le giovani generazioni a non abusare delle sostanze alcoliche (compreso il vino). Varie ricerche dimostrano l'attualità del problema...O non è un vostro problema e quindi non vi conviene in quanto non vi viene niente in TASCA ?
Cordiali saluti
Amarone

ultimate warrior ha detto...

aria pura leggi e se non mi credi verifica di persona
16-09-2009
indagini moria uccelli in provincia di terviso
primi sospettati antiparassitari e diserbanti usati in agricoltura sopratutto nelle viti,complice una stagione priva di pioggie che ha mantenuto tutto il veleno attaccato agli acini dell'uva.
wwwf e lega abolizione caccia chiedono all'uls di analizzare viti e vini per identificare eventuali residui chimici potenzialmente pericolosi per l'uomo.
27-11-2009
arpav treviso allarme atrazina nei vigneti.
il direttore regionale arpav treviso drago dice "troppi pesticidi e usati male. controlli a tappeto nelle campagne oramai l'inquinamento in agricoltura e' peggio di quello dell'industria, il settore agricolo e' responsabile di una grave forma di inquinamento ambientale, mentre l'industria ha recepito il messaggio e sta mettendo in atto strategie per ridurre le emissioni,l'agricoltura non ha ancora recepito il messaggio nonostante vari solleciti"
ho riportato frasi testuali.
vuoi conferma digita "pesticidi in agricoltura" e leggi ci sono infinite notizie simili,che la valpolicella sia esente da tutto cio' oppure e' solo questione di tempo prima che anche da noi si alzi il polverone?
devo continuare cosi'? cara/o aria pura io non metto in dubbio la tua buona fede ma l'ambiente in valpolicella se lo vuoi difendere non preoccuparti solo della cementirossi, fumane futura e valpolicella 2000 sono consorziati con il wwf e lega ambiente perche non citano mai questi problemi conflitto di interessi?

Comitato Fumane Futura ha detto...

Conflitto di interessi?? Da che pulpito!!
E comunque cosa significa "consorziati"???

Maverick ha detto...

Bella domanda: quando Fumane futura comincerà a preoccuparsi di tutti i veleni sparsi sulle vigne? Vogliamo considerare che in Valpolicella ci sono sempre più vigne ma anche persone che ci abitano? Occhio all'esempio di Treviso...
Inoltre se Fumane futura fosse coerente si batterebbe anche per questo,finora avrebbe dovuto chiamarsi "COMITATO CONTRO LA CEMENTERIA E LE ATTIVITA' PRODUTTIVE":la tutela a 360 gradi di un territorio è ben altra cosa!

ariapura ha detto...

Rispondo ad ultimate Warrior: capisco benissimo di cosa stai parlando e comprendo la tua posizione,visto che conosci molto bene l'argomento credo che dovresti impegnarti facendoti promotore di una campagna contro l'utilizzo dei pesticidi in agricoltura...avresti sicuramente il supporto di tutti i comitati che si interessano della tutela ambientale ed anche il mio.
Ma purtroppo mi "sembra" che la tua posizione sia tutta rivolta ad a sminuire le responsabilità del cementificio cercando si portare l'attenzione su altri fattori:come dire " è gisto aumentare l'attività del cementificio con tutti i problemi che ne conseguono perchè l'ambiente è già inquinato dall'agricoltura"
Comunque penso che continuare con il batti e ribatti su questo blog non porti a nessun risultato perchè rimarremmo entrambi sulle nostre posizioni.
Credo invece che tutti gli abitanti della Valpolicella che hanno a cuore la tutela del territorio dovrebbero unire le loro forze per cercare di salvaguardare l'ambiente in cui vivono cosa che in questo momento non sta avvenendo perchè sono nate due fazioni che si contrappongono,tutto a vantaggio di chi sta strumentalizzando la situazione.

ultimate warrior ha detto...

complimenti ariapura una delle poche persone che usa termini di confronto e di coerenza in questo sito ,questo ti fa onore