lunedì 20 aprile 2009

Rifiuti: da problema a risorsa


1 commento:

ANNA ha detto...

Il titolo di questa news è emblematico.
Difficile pensare ai rifiuti come risorsa a meno che si pensi ad una RISORSA DI MALATTIE E GRAVE INQUINAMENTO.

La politica consumistica e industriale di oggi ha perfino cambiato nome ai rifiuti denominandoli COMBUSTIBILI ALTERNATIVI e dall'altro lato ha cambiato il nome agli inceneritori coniando il termine TERMOVALORIZZATORI.

UNA VERA VERGOGNA!!!!!

Il problema è grave e disseminare indiscriminatamente sul territorio nazionale INCENERITORI nel vero senso della parola e altri impianti come CEMENTIFICI MASCHERATI DA INCENERITORI è la peggior cosa che possiamo fare.
Ogni inceneritore riduce eslcusivamente la massa dei rifiuti e lascia dietro di sè una notevole quantità di sostanze inquinanti emesse in atmosfera e un'altrettanto consistente quantità di rifiuti pericolosi rimasti come residuo dopo la combustione da posizionare in discarica.
I cementifici invece fanno anche di peggio. Il residuo di rifiuti pericolosi che rimane dopo la combustione rimane infatti inesorabilmente NEL CEMENTO e quindi ce lo portiamo a casa, con metalli pesanti e quant'altro che trovano comodamente posto tra le nostra mura domestiche.

Studi nazionali come quello di Forlì e studi condotti sul paesi esteri, sulla salute delle popolazioni che vivono nelle vicinanze degli inceneritori, esprimono tutti grave preoccupazione tra gli addetti ai lavori. L'aumento delle malattie tumorali infantili è una delle questioni più allarmanti.

Non lasciamoci ingannare: incenerire i rifiuti non distrugge la loro MINACCIA PER LA SALUTE E L'AMBIENTE, il problema va affontato a monte: DOBBIAMO INCENTIVARE TUTTE LE INIZIATIVE PER PRODURRE MENO RIFIUTI PREVEDERE IL RICICLO DEI MATERIALI. Riciclare si può ma comporta più impegno che incenerire.

Anna Sorosina